Viaggi 2020/21, la ricettività extra alberghiera è stata la prima a ripartire.

  • 1 anno fa
  • 0

Il 2021 sarà lʼanno degli affitti brevi”. Commenta Marco Celani, presidente Aigab su TGCOM24

Dimezzate invece le presenze in Hotel da gennaio a settembre 2020.

Ansa

Nel 2020 in tutta Europa i flussi turistici hanno subito un profondo shock. I dati provvisori dell’Italia relativi ai primi nove mesi dell’anno sono in linea con il trend europeo (-50,9% sul 2019, con quasi 192 milioni di presenze in meno). Il comparto alberghiero è quello in maggiore sofferenza: le presenze registrate da gennaio a settembre sono meno della metà (il 46%) di quelle rilevate nel 2019, mentre quelle del settore extra-alberghiero il 54,4%.

“Il 2021 anno degli affitti brevi” – “L’Istat certifica che la ricettività extra alberghiera è stata la prima a ripartire e il settore ha consentito la tenuta della stagione e il raggiungimento di destinazioni finora fuori dai circuiti tradizionali” facendo prevedere che “il 2021 sarà l’anno degli affitti brevi”. Così Marco Celani, presidente Aigab – l’Associazione Italiana Gestori Affitti Brevi – commenta questi dati. “Ciò si spiega – sottolinea Celani – con i requisiti considerati prioritari da chi ha viaggiato a partire dal lockdown di primavera: mete isolate, il desiderio di non condividere spazi comuni, la mancanza di fiducia nelle sanificazioni effettuate in strutture di grandi dimensioni, i viaggi di prossimità, coniugare lavoro e vacanza”. “Ci auguriamo che il Governo – conclude Celani – prenda atto che, anche nel 2021, i gestori degli affitti brevi potranno dare un contributo importante nell’accoglienza di turisti stranieri e italiani”

Partecipa alla discussione

Compare listings

Confrontare